Esploratori di mondi sconosciuti, la parapsicologia della SPR parte I

di Marina Commenta

William Barrett, professore di fisica, nel 1882 organizzò nella sua casa di Londra, una riunione con quattro intellettuali: il professor Henry Sidgwick, la moglie Elinor, Edmund Gurney e Frederic Meyers che avrebbero costituito la SPR, società per le ricerche paranormali.

Il fisico non aveva la minima idea di cosa, di lì a poco sarebbe successo, e che la SPR avrebbe presto avuto tra le sue fila vescovi, ministri e scienziati. I quattro intellettuali non sapevano cosa sarebbe accaduto loro che ne avrebbe cambiato la vita spingendoli nella ricerca dell’ignoto.

Tutti però avevano la consapevolezza che stessero per svelare al mondo un mistero tanto atteso. Iniziarono le loro ricerche che poi, a causa di personali vicissitudini, li portarono a continuare fino alla morte, cercando risposte definitive che non trovarono mai.

Sidgwick dedicò 40 ann alla parapsicologia che però non lo condussero mai alla certezza religiosa che cercava, morì, forse suicida, convinto d’aver fallito. La moglie Eleanor, maggiore degli otto fratelli Balfour, uno dei quali diventerà Primo Ministro d’Inghilterra, continuò le ricerche per altri 36 anni dopo la morte del marito, nel tentativo di dimostrare l’esistenza di una vita dopo la morte e ritrovare il fratello deceduto durante una scalata.

Myers si innamorò della moglie del cugino malato di depressione. La donna si suicidò tagliandosi la gola e l’uomo passò i successivi venti anni a cercarla attraverso tutti i medium. Alla fine si convinse, per fede, alla vita nell’aldilà, per questo accolse bene la vecchiaia e la morte, convinto di andare da Annie che lo aspettava.

Gurney soffrì molto per la morte delle tre sorelle, avvenuta sul Nilo, questo lo spinse alle ricerche sulla parapsicologia. Fu il principale autore del “Phantasms of Living”, uno studio molto ampio sulle apparizioni. Dopo la morte dei quattro e per i tret’anni successivi, una dozzina di medium fu coinvolta nelle “corrispondenze incrociate”, messaggi che ricevevano dai fondatori della SPR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>